Un evento a Milano per tracciare la strada per l’unico sviluppo possibile

Presso l’auditorium Assolombarda lo scorso 28 maggio si è svolto l’evento “Le imprese e la finanza per lo sviluppo sostenibile. Opportunità da cogliere e ostacoli da rimuovere”” organizzato da ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile all’interno del Festival dello sviluppo sostenibile 2019.

Una giornata intensa in cui hanno parlato le imprese, le associazioni, la finanza attraverso la voce di alcuni tra i protagonisti dell’economia e dell’imprenditoria italiana.

Tra le istituzioni, l’Unione Europea è pioniera a livello internazionale nella regolamentazione dell’attività delle imprese in un’ottica più sostenibile e soprattutto nella volontà di disciplinare in modo rigoroso le attività finanziarie che possono o non possono dichiararsi sostenibili e responsabili. L’importanza di un linguaggio comune e di criteri univoci per identificare gli strumenti di investimento che si danno un’etichetta green o di sostenibilità (SRI) è fondamentale affinché la finanza ritrovi la fiducia dei risparmiatori e i capitali vadano a finanziare le imprese realmente virtuose.

Lo sviluppo sostenibile non vive di sola finanza e per realizzarlo è importante che tutti gli attori -economici e sociali -lavorino insieme, siano solidali tra loro, esercitino l’emulazione (e non l’invidia) e soprattutto si impegnino a educare i consumatori e a indirizzare il sistema produttivo verso scelte più consapevoli e responsabili.
Le grandi imprese devono fare sistema con la catena del valore per diffondere buone pratiche nelle PMI che possono trovare nella sostenibilità un’opportunità per migliorare il profilo competitivo, creare valore nel lungo periodo, attrarre talenti e rafforzare la reputazione aziendale.

Oggi il bilancio di sostenibilità o la rendicontazione non finanziaria permette alle imprese di mostrare i propri valori e il proprio impegno verso l’ambiente e le persone valorizzando gli asset intangibili.
Perché solo attraverso standard condivisi è possibile misurare la sostenibilità delle imprese e poterne valutare gli impatti.

Photo by Christine Roy on Unsplash